Come ottimizzare al meglio una pagina web

Un’infografica svela i SEO tips indispensabili per avere successo online!

Condivido e traduco volentieri, per chi non mastica bene l’inglese, il post di qualche mese fa scritto da Red Website Design e dedicato agli elementi indispensabili, dal punto di vista SEO, che non possono mancare in una pagina web per dirsi davvero ottimizzata. Un pratico vademecum sintentico e completo che può aiutarvi nell’attività quotidiana di ottimizzazione dei siti Internet. Forse qualche punto è un po’ controverso (come la presenza delle keyword nelle prime 100 parole), ma in generale è un’ottima sintesi che vale la pena analizzare:

  1. Usa URL ottimizzate: ovvero sintetiche e che tengano conto della maggior rilevanza delle prime 3-5 parole (secondo quanto indicato da Matt Cutts).
  2. Il Tag Title ottimizzato deve essere lungo meno di 55 caratteri, prevedere l’inserimento di parole chiave e tenere conto che Google mostra solo 50-60 caratteri (o 512 pixel). Il titolo della pagina, poi, deve avere valore H1.
  3. Utilizza immagini/video: ridurrai la percentuale di rimbalzo aumentando il tempo di permanenza sul sito. Inoltre incrementerai quei segnali di interazione con gli utenti che Google ritiene sempre più importanti.
  4. Inserisci link a siti autorevoli. I link in uscita verso pagine correlate aiutano Google a capire non solo l’argomento di cui si occupa la pagina, ma anche che il sito stesso è un centro di raccolta d’informazioni utili/di qualità.
  5. Inserisci le keyword nelle prime 100-150 parole dell’articolo.
  6. Usa parole correlate: Google, grazie all’impiego di una tecnologia simile a thesaurus (chiamata LSI), è in grado di analizzare il significato di diverse parole chiave presenti in una pagina e determinarne la pertinenza.
  7. Ottimizza il nome e il Tag Alt delle immagini utilizzando delle keyword: grazie all’ottimizzazione delle immagini, ad esempio, il traffico al sito Gawker Media è aumentato del 24%.
  8. Velocizza i tempi di caricamento del sito: utilizza il CDN, passa ad un hosting di qualtà superiore e comprimi le immagini. La velocità di caricamento è ormai uno dei fattori SEO più importanti per Google, tieni conto, inoltre, che il 75% degli utenti non torna a visitare un sito che richiede più di 4 secondi per essere caricato. Un semplice intervento di velocizzazione è quello di registrarsi a Google PageSpeed.
  9. Ottimizza la pagina per la condivisione sui social: aggiungendo i pulsanti di condivisione aumenterai la possibilità di ottenere inbound link.
  10. Scrivi contenuti con un alto numero di parole: le pagine che si trovano in prima pagina su Google hanno un numero di parole superiore a 2000. Naturalmente il numero ideale dipende anche dal settore.
  11. Usa un responsive code in modo che il sito adatti le dimensioni in base al device utilizzato (pc, mobile, Ipad, ecc): un sito non è responsive ha un’alta percentuale di rimbalzo da parte di utenti non-desktop che Google interpreta come un segnale di scarsa iterazione con gli utenti.

seo-tips

 

 

Come scrivere Meta Title ottimizzati

Principi SEO da non trascurare!

Prima di tutto vediamo un esempio di Meta Tag Title:

Il Meta Title è quella frase che appare per prima nei risultati dei motori di ricerca e che, se coincide con la parola cercata dall’utente, compare evidenziata in grassetto. Ma il Meta Title è ancora un elemento importante di cui tenere conto nella redazione di un sito? Se è così, come si può trarne vantaggio al fine del posizionamento sui motori?

L’importanza del Meta Tag Title

Tra i fattori SEO che Google prende in considerazione nella sua analisi dei siti il Meta Title è ancora molto importante perché è l’elemento che dovrebbe comunicare, in maniera sintetica (sono circa 70 caratteri), gli argomenti della pagina sia agli utenti che ai motori di ricerca.

Suggerimenti per scrivere Meta Title ottimizzati

Di seguito alcuni punti di cui tenere conto:

  • Il tag <title> dovrebbe essere posizionato all’interno del tag <head> nel codice HTML della pagina;
  • Ogni pagina deve avere un suo Meta Title univoco;
  • Evitare di scrivere un titolo di pagina che non abbia alcuna relazione con il contenuto;
  • Non usare titoli automatici o vaghi come “Senza titolo” o “Nuova pagina”;
  • Evitare i titoli di pagina troppo lunghi, altrimenti Google ne mostrerà solo una parte;
  • Astenersi dall’eccessivo uso di parole chiave non necessarie.

Esistono due scuole di pensiero nella redazione di un Meta Title: quelli che scrivono vere e proprie frasi, che invitano l’utente all’azione e chi, invece, preferisce utilizzare 2-3 parole chiave separate da virgola, in grado di riassumere il contenuto della pagina. Entrambi i metodi sono corretti quale è quello giusto per voi dipende soltanto da come preferite comunicare con l’utente.

Come riconoscere un sito ottimizzato

Fattori SEO indispensabili

Il posizionamento sui motori di ricerca è un elemento ormai fondamentale, in tutti i settori, per poter vincere le nuove sfide del mercato. Essere primi su Google può, infatti, comportare un significativo ampliamento del proprio mercato di riferimento e, quindi, delle vendite.

Seppure, sempre più aziende siano coscienti del valore aggiunto che l’ottimizzazione del sito può portare al proprio business, online sono ancora tanti i siti e i portali che risultano essere carenti da questo punto di vista. Ne consegue che sempre più spesso gli esperti SEO (Search Engine Optimization) devono analizzare un sito per capire cosa non funziona e dove poter intervenire.

Ecco che un’analisi preliminare è fondamentale per valutare con precisione il tipo di intervento richiesto. Ma da dove si parte? Quali sono gli elementi che caratterizzano un sito ottimizzato?

Siti in flash e ottimizzazione

Se un sito è realizzato interamente in flash è necessario rimetterci mano completamente. I motori di ricerca, infatti, non indicizzano correttamente, e di conseguenza nemmeno posizionano, i siti internet realizzati con questo linguaggio. Un sito in flash, infatti, non è altro che un “filmato” in cui non è possibile distingue le immagini dal contenuto, ne consegue che il posizionamento sui motori di ricerca è impossibile.

Non è il vostro caso? Allora non resta che controllare altri elementi, come ad esempio l’URL delle pagine.

URL parlanti VS URL dinamiche

Se le URL (indirizzo della pagina) del sito sono dinamiche, ovvero contengono numeri e simboli (es. ?user=558) siamo difronte a URL dinamiche che, oltre ad essere poco leggibili e memorizzabili dall’utente, sono poco utili per il posizionamento perchè non forniscono informazioni sul contenuto agli Spider. Se invece le pagine utilizzano URL “parlanti”, ovvero con parole chiave, l’utente è in grado di capirne facilmente il contenuto e di conseguenza è più portato a cliccare, inoltre il motore di ricerca trova delle keyword utili già nell’indirizzo della pagina e ciò gli permette di indicizzarla meglio.

I Meta Tag sono ancora importanti?

Sebbene il campo “Meta Description” non sia più considerato importante da Google, lo è invece per l’utente perché riassume il contenuto della pagina e, se scritto correttamente, può indurlo a visitare il sito (attenzione deve essere diverso in ogni pagina!!). Il “Meta Title” è, invece, ancora un fattore importante per il posizionamento, per questo motivo deve contenere le parole chiave rilevanti (dedicheremo un articolo specifico su questo tema).

Come controllare se questi campi sono compilati? Analizzando l’HTML della pagina (ctrl U).

Heading Tag

L’HTML della pagina ci aiuta anche nella verifica della presenza o meno degli Heading Tag (H1, H2, H3, ecc). Questi elementi sono molto apprezzati dai motori di ricerca perché aiutano lo Spider a valutare l’argomento della pagina, conferendo una gerarchia al testo e rendendo la pagina meglio organizzata e leggibile.

Il contenuto è il Re

Veniamo dunque alla parte dei contenuti, che alla luce degli ultimi aggiornamento di Google è sempre più importante per il posizionamento sui motori. Ma quali caratteristiche devono avere?

Un testo ottimizzato, prima di tutto, deve essere scritto bene, senza errori grammaticali o di battitura, quindi deve fornire informazioni utili. Qualità e originalità sono i fattori SEO più importanti: i motori di ricerca tendono a penalizzare chi copia! Ha ancora il suo peso, naturalmente, la presenza di  parole chiave strategiche, che però non devono rendere un testo illeggibile.